(Italiano) Vaniglia

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La storia della vaniglia

La vaniglia (Vanilla planifolia), spezia dolce e aromatica, è un’orchidea originaria del Messico, paese che ne conservò il monopolio per più di due secoli. In cucina era usata dagli Aztechi, che la associavano al cacao per farne una bevanda antenata del cioccolato. In epoca pre-colombiana, i popoli mesoamericani coltivavano la vaniglia in appezzamenti dedicati, simili a delle vigne, adatti per le sue caratteristiche di pianta rampicante. In Europa, la vaniglia, era amata tra le importanti famiglie aristocratiche soprattutto in Francia.

Fino al XIX secolo, ogni tentativo di far riprodurre questa pianta fuori dal proprio habitat naturale fallisce. Il 1836 è l’anno della prima impollinazione artificiale grazie al naturalista belga Morren e successivamente nel 1837 dall’ortocultore francese Neumann. Nel 1841 un giovane schiavo dell’isola di Bourbon riuscì a migliorare il procedimento pratico per l’impollinazione artificiale – metodo tuttora utilizzato -, facendo dell’isola il primo centro di vaniglia del pianeta. Verso la fine dell’800 la coltivazione di questa orchidea arrivò a Madagascar, che conserva ancora oggi il ruolo di primo esportatore mondiale.

Vaniglia per intenditori

I frutti della Vanilla planifolia, comunemente chiamati baccelli, producono la spezia nota come vaniglia. Una pianta flessibile e poco ramificata, si sviluppa per crescita del germoglio e forma lunghi terminale che si arrampicano per più di dieci metri, nell’attaccatura delle foglie, infatti, si possono trovare le radici aeree che permettono alla pianta di appendersi. Le foglie, di color verde, si alternano lungo i lati del gambo, possono raggiungere i 15cm, hanno una forma ovale con la punta aguzza e sono piatte. Il gambo è carnoso e contiene un succo trasparente e irritante che provoca, a contatto con la pelle, scottature e pruriti. I fiori, di struttura classica delle orchidee, nascono in gruppi di otto o dieci formando dei piccoli bouquet di colore bianco, verdastro o giallo pallido. I baccelli della vaniglia possono raggiungere i 30 cm di lunghezza e, una  volta colti, vengono fatti fermentare ed essiccare.

Coltivare la vaniglia

Il clima adatto per coltivare la vaniglia è caldo, umido e con una buona parte d’ombra. Esistono diverse tecniche per la coltivazione, le principali sono 3: nel sottobosco dove si usano come supporto i tronchi degli alberi, nelle colture intercalari dove si usano le canne da zucchero e infine e nelle serre. In assenza di api Malipone, la fecondazione deve essere realizzata manualmente da fiore a fiore e si esegue presto la mattina. Per trasformare i baccelli nella spezia profumata che conosciamo bisogna fare la preparazione diretta, ovvero lasciar maturare il baccello alternando la sua esposizione dal sole all’ombra. Un altro metodo è la preparazione indiretta che consiste nel provocare uno choc che arresta la vita vegetativa del baccello (viene passato dal forno al freddo, ai raggi infrarossi all’alcool), seguito da una serie di operazioni di trasformazione, essiccazione e smistamento che durano circa dieci mesi. Tuttavia, il metodo maggiormente impiegato è il bagno in acqua calda.

La vaniglia è la seconda spezia, dopo lo zafferano, più cara al mondo. Il prezzo elevato è a causa del processo di produzione ad alta intensità di manodopera.

La vaniglia di Si.Gi.

Dai migliori baccelli di vaniglia nasce la nostra gelatina di vaniglia. Una gelatina chiara, delicata ed estremamente profumata. Utilizziamo soltanto vaniglia naturale, per rispettare la tradizione di SI.GI. nel fare un prodotto d’innovazione che rispetti la naturalità degli ingredienti.

Particolarmente indicata in accompagnamento allo yogurt magro, ottima con il cioccolato amaro insieme a distillati secchi. Sorprende con i formaggi morbidi, semimorbidi e anche caprini. Delicato aroma di vaniglia per arricchire piatti dolci. Come tutti i prodotti Si.Gi., la gelatina alla vaniglia è senza glutine, senza pectina, senza coloranti, conservanti o qualsiasi altro additivo chimico.

6 Comments

  • Matteo Posted 9 April 2017 11:52

    Buon giorno sono Matteo Siliberti vivo in Uganda dove ce vanilla bourbon io sono diretto venditore dai contadini eseguo processo fermentazione esdicatura +256 773023597

    • Marco Posted 10 October 2017 18:40

      Salve,
      sono Marco, sarebbe possibile avere la sua mail per avere delle info in merito?
      La ringrazio

  • Claudio Posted 11 June 2019 12:05

    Salve Vendo circa 27 varietá di piante di vaniglia se qualcuno è interessato mi contatti

    • sigi-edit Posted 11 June 2019 14:46

      Grazie Claudio

    • Davide Posted 21 June 2019 23:53

      Buonasera sarei interessato all’acquisto di piante di vaniglia.
      Posso avere un suo contatto o un sito internet?
      Cordiali saluti

  • GIUSEPPE SEBASTIANO Posted 24 June 2019 20:31

    SALVE SONO UN INGEGNERE CHE SI OCCUPA DI ALTRO MA HO UN CONTATTO DI AMICIZIA CON IL MADAGASCAR CON UN PRODUTTORE DI VANIGLIA CHE VORREBBE CHE LO AIUTASSI AD IMPORTARE IL SUO PRODOTTO QUI IN ITALIA . POTREBBE INTERESSARVI ??’

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

1
Ciao, come possiamo aiutarti? 🙂
Powered by